Questo articolo è in italiano / This post is in italian language Questo articolo è in italiano / This post is in italian language

Bando Progetti Gruppi di ricerca della Regione Lazio (scadenza 15 febbraio 2017)

Il bando PROGETTI GRUPPI DI RICERCA Conoscenza e cooperazione per un nuovo modello di sviluppo è un ulteriore significativo tassello della strategia di potenziamento del sistema ricerca e dell’innovazione nel Lazio.

Il bando dalla Regione Lazio, a valere della L.R. 13/2008, si inserisce in una strategia di rilancio del sistema produttivo laziale – battezzata “Valore Aggiunto Lazio” – che si caratterizza per una elevata coerenza “verticale” con la politica industriale europea.

Tale bando, pertanto, è parimente coerente con la strategia del POR FESR regionale, segnatamente con l’Azione Cardine 11 “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali”.

Il collante fra la politica industriale europea e quella regionale, com’è noto, è costituito dalla strategia di “smart specialisation” che la Regione ha licenziato nel 2014. [1]

Il bando ha una dimensione finanziaria significativa (sette Milioni di Euro). Inoltre, prevede condizioni di finanziamento davvero appetibili, in quanto i progetti di ricerca saranno finanziati al 100%, con un anticipo iniziale corrispondente al 50% della sovvenzione complessiva stanziata per i progetti selezionati. [2].

Le finalità dei progetti da candidare a finanziamento (e poi realizzare in centri di ricerca e laboratori localizzati nella regione) devono concernere:

  1. la realizzazione di strumenti ed attività di supporto per programmi dedicati al trasferimento tecnologico a favore delle Imprese del Lazio ed alla connessa diffusione di conoscenze nell’ambito delle istituzioni scientifiche;
  2. la promozione delle prestazioni svolte presso le imprese del Lazio da personale con competenze scientifiche e tecniche degli Organismi di Ricerca (OdR) beneficiari (per maggiori dettagli si veda il comma 3 dell’art. 4 dell’avviso di finanziamento).

La scadenza è fissata al 15 febbraio 2017, ma dal momento che sono richiesti progetti ad elevato contenuto innovativo è assolutamente opportuno che gli OdR del Lazio inizino quanto prima a lavorare sulle richieste di finanziamento e sulla corretta quantificazione delle tipologie di costi ammissibili a beneficio.

Coloro che fossero interessati a un supporto tecnico per la verifica della congruenza dei progetti con obiettivi di politica industriale della Regione Lazio e con Smart Specialisation Strategy e per la verifica dell’ammissibilità dei costi del progetto possono contattarmi tramite il format di comunicazione  riportato sotto.

*************

[1] Le 7 aree prioritarie della Smart Specialisation Strategy (Aree di Specializzazione) della Regione Lazio (riprese, ovviamente, anche nel POR FESR) sono:

– Aerospazio,

– Scienze della vita (comparti chimico-farmaceutico e bio-medicale),

– Beni culturali e tecnologie della cultura,

– Industrie creative digitali (riferimenti a cinema, audiovisivo, multimediale, performing arts, ma anche design industriale e nuovi modelli di business),

– Agrifood,

– Green economy,

– Sicurezza.

[2] L’avviso correttamente distingue fra beneficiari e destinatari.

Beneficiari:

  • Organismi di Ricerca e Diffusione della Conoscenza (“OdR”), ovvero Università Statali, Istituzioni AFAM e gli Enti Pubblici di Ricerca vigilati dai Ministeri competenti (“OdR di Diritto”),
  • Consorzi Interuniversitari di Ricerca, e
  • altri OdR, anche di diritto privato che rispondono alla definizione di OdR contenuta al punto 2.83 del Reg. (UE) N. 651/2014 sui regimi di aiuto (noto come Global Block Exemption Regulation – GEBR).

Destinatari: Gruppi di Ricerca composti da almeno 4 membri, dipendenti dell’OdR beneficiario (inclusi assegnisti) da impegnare nel progetto di ricerca.

Related Post

Contact me!

If you have any question or you'd like to have more information about this post, you can write me using this form!