Questo articolo è in italiano / This post is in italian language Questo articolo è in italiano / This post is in italian language

I Fondi diretti dell’UE per l’attuazione dell’agenda digitale

Come ricordavo nel post del 5 novembre scorso – “Il FEIS e altre piattaforme di investimento miste per l’attuazione dell’agenda digitale” – nella fase attuale è probabilmente il FEIS lo strumento finanziario europeo più rilevante per sostenere l’implementazione della banda ultra larga di nuova generazione e delle reti 5G e la digitalizzazione del sistema produttivo europeo.
Avendo gIà diffusamente trattato nel blog le linee di finanziamento attivate all’interno dei vari Fondi Strutturali e di Investimento Europeo (Fondi SIE) per implementare l’agenda digitale italiana, qui vorrei trattare brevemente i principali fondi “diretti” gestiti dalla Commissione o da sue agenzie delegate per sostenere l’agenda digitale europea, richiamati nel Grafico che segue.

Grafico 1 Fondi diretti della UE per implementare l’agenda digitale

Il principale fra questi strumenti è la sezione “telecomunicazioni” dello strumento Connecting Europe Facility (CEF). Tale sezione (indicata, sovente, come “CEF telecom” o “CEF digital”) sostiene la diffusione della banda ultra larga, delle reti di nuova generazione e dei servizi digitali tramite due tipi di interventi:
• l’implementazione di reti a banda larga di nuova generazione;
• i Digital Service Infrastructures (DSIs). Ci sono due tipi di Digital Services Infrastructures: (i) building block DSIs (quali la firma elettronica); (ii) sector specific DSIS che forniscono su base transfrontaliera servizi ai cittadini e alle imprese integrati e inter-operabili (eHealth, eProcurement, altri).

Immagine ex Pixabay

Immagine ex Pixabay

CEF telecom” ha un budget di poco superiore al miliardo di Euro (circa il 4% del budget totale del CEF), che viene gestito dall’Agenzia esecutiva INEA (Infrastructures and Network Executive Agency).
Molto importante, anche se ha una natura particolare, è il Programma ISA2. ISA2 è il Programma approvato nel novembre 2015 che, dando seguito all’iniziativa pilota ISA (Inter-operability Solutions for public administrations, businesses and citizens), supporta lo sviluppo di soluzioni digitali che possono consentire alla PA, alle imprese e ai cittadini di beneficiare di servizi pubblici transfrontalieri e inter-settoriali “digital by default”.
ISA2 Programme (che è stato avviato il 1° gennaio 2016 e terminerà a fine 2020) intende, in particolare, migliorare l’inter-operabilità dei dati e dei servizi pubblici. Generalmente le soluzioni ai problemi di inter-operabilità sviluppate da questo Programma sono rese liberamente accessibili a tutte le Pubbliche Amministrazioni europee. [2]
Infine, non si può non richiamare Horizon 2020.
In particolare, sono molto rilevanti:
• la sezione Leadership Industriale del II Pilastro di Horizon 2020 e, più specificamente, la linea di finanziamento LEIT ICT, dove l’acronimo LEIT sta per Leadership in Enabling and Indutrial Technologies;
• la Sfida sociale “L’Europa in un mondo che cambia” del III Pilastro “Sfide sociali” di Horizon 2020 e, più specificamente, l’iniziativa trasversale alle varie call di questa sfida sociale denominata “ICT-enabled Public Sector Innovation” [3]

A titolo di completezza, si ricorda che l’UE finanzia anche altri interventi trasversali volti a potenziare la propensione all’uso di servizi digitali da parte dei cittadini, le loro competenze digitali e, non ultimo, la diffusione dell’e-Government. Fra questi sono particolarmente rilevanti i seguenti:
WIFI4EU: è una nuova iniziativa proposta dalla Commissione per dare la possibilità a tutti gli Enti Locali europei di dotare piazze, parchi, uffici pubblici ed ospedali di connessioni wi-fi gratuite per i cittadini. Questo impegno della Commissione è stato confermato nel recente Vertice europeo di Tallin sullo stato di attuazione del mercato unico digitale;
JoinUp: è una piattaforma telematica per lo scambio di buone pratiche in materia di digitalizzazione della PA. E’ finanziata dal programma ISA2.

******

[1] Connecting Europe Facility, disciplinato dal Reg. (UE) N. 1316/2013, sostiene gli investimenti a livello europeo nelle reti (corridoi):
• di trasporto,
• energetiche,
• digitali.
[2] In merito, si veda la recente Comunicazione: European Commission, European Interoperability Framework – Implementation Strategy, COM (2017), 134; 23.03.2017.
In questa Comunicazione vengono indicati sei elementi chiave dell’inter-operabilità:
• politica (decisioni politiche inerenti la governance dei sistemi di inter-operabilità),
• gestione dei servizi pubblici digitali
• legale,
• organizzativa,
• semantica,
• tecnica.
[3] L’Iniziativa “ICT enabled Public Sector Innovation” è in sostanza una iniziativa trasversale nell’ambito della Sfida sociale 6 “Europe in a changing world – Inclusive, innovative and reflective societies” del III Pilastro “Side sociali” di Horizon 2020.
I programmi di lavoro 2014-2015 e 2016-2017 della Sfida sociale 6, infatti, hanno previsto delle call per selezionare progetti volti a sostenere il paradigma “open government” e nuovi servizi di e-Government.
Come ricordavo nei precedenti post del 15 e del 20 ottobre, anche nell’ambito del nuovo programma di lavoro 2018-2020 ci sono dei topics volti a sostenere digitalizzazione e innovazione della PA.
Il 24 novembre, presso la Regione Lazio, l’APRE ha organizzato un InfoDay sul programma di lavoro 2018-2020 della sezione trasversale ICT di Horizon 2020.

 

Related Post

Contact me!

If you have any question or you'd like to have more information about this post, you can write me using this form!